Serie A, l’ultimo verdetto: Salernitana salva, Cagliari in B

Dopo la vittoria dello Scudetto da parte del Milan, che ha realizzato un’impresa considerata impossibile a inizio stagione, la Serie A ha espresso anche l’ultimo verdetto: in coda alla classifica, è il Cagliari l’ultima squadra a retrocedere in cadetteria. I sardi si aggregano quindi al gruppetto delle peggiori del campionato, completando un trittico da incubo con Venezia e Genoa. Un episodio maturato in modo quasi surreale, perlomeno per ciò che è accaduto nella contemporaneità dei due posticipi serali. L’harakiri casalingo della Salernitana, stracciata senza appello per 0 – 4 dall’Udinese, è stato infatti vanificato dall’impalpabile pareggio del Pier Luigi Penzo: al Cagliari sarebbe bastato un gol contro il già retrocesso Venezia per garantirsi una clamorosa permanenza in Serie A, ma gli uomini di Agostini, subentrato lo scorso 2 maggio all’esonerato Mazzarri, non sono riusciti nell’impresa. Uno 0 – 0 che condanna irrimediabilmente gli isolani.

 

Serie AÈ quindi la Salernitana a conquistare il quartultimo posto nell’ultima giornata di campionato, con appena 31 punti: si tratta della quota salvezza più bassa di sempre dall’epoca dei 3 punti, che riscrive ulteriormente al ribasso il record registrato nel 2017 dal Crotone (34 punti). Un dato che descrive in maniera fin troppo emblematica l’attuale livello della Serie A, e che denuncia forse la necessità di una ristrutturazione nell’intero movimento calcistico nostrano. Per il Cagliari ritorna dunque l’incubo della cadetteria, a 6 anni di distanza dall’ultima volta: era infatti la stagione 2015/2016 quando i sardi, guidati in panchina da Massimo Rastelli, vinsero il campionato di Serie B ottenendo una promozione storica nella massima divisione. Assieme al Cagliari, come detto, scendono in B anche Genoa e Venezia, fermatesi rispettivamente a 28 e a 27 punti. Altri verdetti: Lazio e Roma accedono all’Europa League, la Fiorentina conquista il piazzamento utile per la Conference. L’ Atalanta, ottava, rimane invece fuori dall’Europa dopo tre qualificazioni consecutive in Champions League.

Add Comment