Inter, travolto lo Shakhtar: nerazzurri in finale di Europa League

Sarà l’ Inter a contendere al Siviglia il trono dell’ Europa League, nella finalissima del prossimo venerdì 21 agosto. I nerazzurri sgretolano lo Shakhtar Donetsk con un sonoro 5 – 0, e, a conferma della crescita già palesata nel corso delle ultime gare, conquista il diritto di contendere lo scettro della competizione alla squadra che, della competizione, è diventata una vera e propria regina. Il club spagnolo vanta cinque affermazioni in Europa League, di cui tre, consecutive, maturate tra il 2014 e il 2016. Una grande soddisfazione per la società nerazzurra, che torna così a disputare una finale europea dopo quella storica del 2010: allora Milito e compagni stesero il Bayern Monaco e, al termine di una gloriosa cavalcata, realizzarono uno storico triplete inanellando anche il gioiello della Champions League. E anche se adesso il metallo è meno nobile, per i nerazzurri la voglia di metterci le mani addosso è tantissima.

 

Antonio Conte InterUna serata che verrà ricordata a lungo da tutti i tifosi dell’ Inter, oltre che da Lautaro Martinez e Lukaku: una coppia offensiva costruita in estate, e riscopertasi affiatata e letale al punto da mettere insieme complessivamente oltre 50 gol. Il gigante belga è una conferma, e particolarmente mirabile è proprio il colpo del 5 – 0: nell’occasione è devastante l’azione del numero 9 nerazzurro, che si lancia a campo aperto e, dopo aver bruciato Khocholava, fulmina Pyatov con un tiro radente di destro (il piede meno forte). Per l’argentino, invece, è un grande ritorno: il “Toro” non aveva ancora timbrato il cartellino in questa Europa League, e nelle ultime settimane era finito sulla graticola per alcune prestazioni opache e le numerose voci su un presunto approdo al Barcellona. La doppietta, invece, riconsolida la sua autorevolezza, nel momento in cui l’infortunio di Sanchez avrebbe potuto aprire una piccola crisi interna. In mezzo, il timbro di D’Ambrosio, il difensore dei gol pesanti: per lui già il quinto in stagione, dopo quelli, peraltro fondamentali, siglati contro Napoli e Atalanta.

Add Comment