Milan, è un Jack da 3 punti: Bonaventura stende il Bologna

Dopo la delusione, la soddisfazione. Il Milan di Gennaro Gattuso, dopo alcune prestazioni a dir poco deludenti, condite da risultati addirittura peggiori, è riuscito a pervenire alla prima vittoria contro il Bologna dell’ex Donadoni. Un successo che, se certamente non risolve tutti i problemi della squadra rossonera, che ancora dovrà lavorare parecchio per rimettersi a tutti gli effetti in carreggiata, restituisce comunque autostima e fiducia ad una compagine che, nelle ultime settimane, aveva messo il morale sotto i propri tacchi.

 

MilanLe ultime due uscite, in particolare, erano state troppo difficili da mandar giù per il Milan. Se, infatti, nello scorso turno il club rossonero aveva deluso fortemente, permettendo addirittura al Benevento di portare a casa il suo primo (nonché unico, almeno per il momento) punto in Serie A grazie ad un gol del portiere, il Europa League era andata persino peggio, con una clamorosa sconfitta per 2 – 0 maturata contro il modesto Rijeka.

 

Ecco perché, contro un Bologna comunque solido e mai arrendevole, protagonista, fin qui, di un campionato sicuramente molto importante, al Milan necessitava assolutamente una vittoria, per non perdere definitivamente la scia europea. E il colpo grosso è arrivato grazie al Jack sfoderato dal mazzo di Gattuso, trasformatosi, per l’occasione, in un vero e proprio asso: è stato Bonaventura, infatti, a firmare la doppietta decisiva per le sorti di un match particolarmente divertente e godibile.

 

Un gol per tempo, per l’ex giocatore dell’Atalanta, inframezzato dalla splendida marcatura del giovane Verdi, che aveva permesso al Bologna di strappare momentaneamente il pareggio: un risultato che, forse, non sarebbe stato neppure demeritato dal club emiliano, che ha giocato comunque con coraggio e determinazione in casa dei rossoneri.

 

Prima vittoria per Gattuso dunque, che in classifica stacca proprio il Bologna, portandosi dunque al settimo posto solitario in Serie A. Che non equivale ancora al raggiungimento dell’Europa, ma che, perlomeno, la avvicina sensibilmente.

Add Comment