Calciomercato Milan, sono i lungodegenti i primi acquisti per Gattuso

Oramai abbiamo passato il giro di boa di questo campionato di Serie A, mentre la finestra invernale di calciomercato finalmente si è aperta in via ufficiale. Fra le società più attive in questo frangente, senza ombra di dubbio, vi è il Milan di Gennaro Gattuso, che fino a questo momento ha vissuto parecchie difficoltà, soprattutto a causa dei molteplici infortuni che hanno falcidiato la rosa.

 

MilanProprio i rientranti, tuttavia, potrebbero essere i primi veri e propri acquisti del Milan in vista della seconda parte di stagione. Il reparto che dovrebbe giovarne di più sarà quello difensivo: nelle scorse settimane, in effetti, la formazione rossonera era stata costretta a ricorrere ai ripari per ovviare alle troppe defezioni, ridisegnando addirittura i ruoli di alcuni elementi, per poter schierare una linea arretrata completa. Non a caso Ignazio Abate, che alcuni mesi fa pareva poter addirittura essere sacrificato sul mercato, si è trasformato in una risorsa pressoché imprescindibile, venendo schierato come centrale.

 

Adesso, tuttavia, ecco che Conti, Strinic, Musacchio e Caldara paiono pronti a rientrare a pieni ranghi. L’ex esterno dell’ Atalanta ha vissuto una sfortunatissima parentesi dal suo arrivo al Milan: due gravi infortuni lo hanno tenuto lontano dai campi di gioco per fin troppi mesi, ma adesso può riprendersi la fascia destra e alternarsi con il giovane Calabria. Caldara, invece, che in estate è stato scambiato alla pari con Leonardo Bonucci, potrebbe finalmente dare il via alla propria vita con la nuova realtà: il suo rientro dovrebbe essere vicino. Lo stesso dicasi per Strinic, fermato da un problema cardiaco e finalmente recuperato. Musacchio, invece, è già stato convocato in panchina nelle ultime uscite, e le sue condizioni sono migliorate.

 

Infine, ecco che anche Lucas Biglia, assente dagli inizi di novembre per l’infortunio al polpaccio, potrebbe essere ripristinato a breve nel cuore del centrocampo rossonero. La sua assenza in cabina di regia è stata forse la più grave per il Milan, che ora potrà finalmente recuperare il suo motore di gioco.

Add Comment