Milan falcidiato, che disastro tra infortuni e squalifiche

Abbiamo oramai passato la metà del mese di novembre, e ci avviciniamo velocemente verso il giro di boa di questa stagione calcistica. Si può dunque fare un primo bilancio di ciò che è successo fino a questo momento, ed una fra le squadre che subito saltano di più all’occhio, anche in virtù di alcuni fatti extra calcistici, è sicuramente il Milan. I rossoneri, infatti, che negli ultimi anni hanno dato vita ad alcune annate dominate più da ombre che da luci, sono anche reduci dal terremoto societario, che ha portato al forfait della vecchia cordata cinese. Il calciomercato, in estate, ha regalato colpi del calibro di Caldara e Higuain, con risultati, anche in questo caso, non sempre all’altezza delle aspettative.

 

MilanIn particolare, il Milan, nelle scorse settimane, ha accusato diversi infortuni di spicco, finendo per essere a dir poco falcidiato. Una situazione che, inevitabilmente, è risaltata in tutto il suo dramma sportivo soprattutto nella sfida più delicata e attesa, quella contro la capolista Juventus. L’armata rossonera ha perduto diverse pedine fondamentali del proprio scacchiere: dal già citato Caldara, sfortunatissimo sin dagli inizi della stagione e probabilmente costretto a chiudere l’annata anzitempo, a Biglia e Bonaventura, che ne avranno per diversi mesi. Passando poi per Musacchio, che tornerà solo a inizio 2018, senza scordare i lungodegenti Conti e Strinic, quest’ultimo mai disponibile per alcuni brutti problemi cardiaci.

 

Ad essi, si sono aggiunti vari piccoli acciacchi, che hanno consegnato alcuni giocatori a mezzo servizio o anche meno: su tutti, Calabria, Calhanoglu e Cutrone, andando ad incidere in maniera molto negativa in una rosa già di per sé disastrata. Ma non solo: contro la Juventus, Gonzalo Higuain, stella della squadra, ha rimediato una brutta espulsione, e dunque sarà costretto a saltare la prossima delicatissima partita, che i rossoneri disputeranno contro la Lazio. Riusciranno i rossoneri a rientrare fra le prime quattro posizioni a fine anno?

Add Comment