Juventus, assalto a Vlahovic: la risposta della Fiorentina

La bomba, nella notte, è stata sganciata da La Gazzetta dello Sport, che a una decina di giorni dalla chiusura della finestra invernale di mercato ha tuonato l’improvviso assalto della Juventus su Dusan Vlahovic. Che qualcosa bollisse in pentola lo si era già intuito nelle scorse settimane, quando le voci – mai realmente smentite – su un imminente passaggio di Morata al Barcellona si facevano sempre più insistenti. L’attaccante spagnolo è poi rimasto a Torino, ma con un orecchio sempre puntato al mercato. Nel mentre, subodorando la trappola, la Fiorentina si era premunita riportando in Italia il “pistolero” Piatek.

 

JuventusL’offerta della Juventus per soddisfare le richieste economiche della Fiorentina, secondo la Rosea, si comminerebbe di una cifra complessiva di 70 milioni di euro così suddivisi: 35 milioni cash (da capire se devoluti immediatamente o se dilazionati in un arco temporale da definire), e una contropartita tecnica di paritario valore, che la dirigenza bianconera avrebbe individuato in Dejan Kulusevski. In questo modo la Vecchia Signora spera di anticipare il processo di rifondazione prendendo al contempo la concorrenza in contropiede, conscia della bagarre che si scatenerà in estate e del facile gioco al rialzo ivi derivato.

 

La fredda risposta della Fiorentina, affidata alle parole del direttore generale Joe Barone, ha però smentito ufficiosamente ogni fondo di trattativa: le uniche offerte per Vlahovic sarebbero pervenute dalla Premier League, secondo i viola. Che, a questo punto, faticano anche a nascondere una certa irritazione nei confronti del loro numero 9, invitandolo anzi a uscire allo scoperto. Dall’entourage del giocatore serpeggia il silenzio, ma è un silenzio che a questo punto fa rumore. Specialmente perché l’interesse reciproco tra Vlahovic e la Juventus, disposta a garantirgli un ingaggio netto da 6 milioni a stagione, è noto da tempo. Si aspetta la prossima mossa. Che, visto il poco tempo a disposizione, potrebbe essere quella decisiva.

Add Comment