Napoli, flop anche a Roma: è già addio ai sogni Scudetto?

Dopo undici giornate dall’inizio del campionato di Serie A, il Napoli sembra già tagliato fuori dalla volata Scudetto. La compagine guidata da Carlo Ancelotti, considerata la più accreditata avversaria della Juventus – insieme alla rinnovata Inter di Antonio Conte – per la corsa al titolo, è reduce da un avvio di stagione molto altalenante. E così, presso lo stadio Olimpico di Roma, è arrivata la terza sconfitta nel torneo. Il ruolino di marcia dei partenopei, andando ad analizzare i numeri, è davvero deludente: oltre ai 3 KO, si segnalano anche 3 pareggi e appena 5 vittorie, con un totale di 21 reti realizzate e ben 15 subite. Davvero troppo poco per una squadra che, dopo un interessante mercato estivo, sembrava poter finalmente cullare delle speranze per la conquista del Tricolore.

 

Milik NapoliInvece, sui 33 punti disponibili, il Napoli ne ha conquistati soltanto 18. E se la Juventus capolista, in serata, dovesse battere il Genoa, andrebbe a 29 lunghezze: un distacco che dunque si concretizzerebbe in 11 punti, praticamente un divario incolmabile per la formazione campana. A goderne, inaspettatamente, è la Roma. La squadra giallorossa aveva cambiato moltissimo in estate, e sembrava davvero difficile credere ad un cammino fatto di continuità e di risultati. Pur tuttavia, a parte qualche battuta d’arresto, gli uomini di Fonseca sono riusciti a sorprendere, e al momento si ritrovano persino terzi in classifica: un risultato semplicemente clamoroso.

 

Allo stadio Olimpico, il Napoli ci mette anche del suo, facendo seppuku con due mani malandrine in area di rigore: se il primo penalty (causato da un intervento di braccio assolutamente sciocco di Callejon) viene perlomeno neutralizzato da Meret, il secondo, trasformato in gol da Veretout, pesa come un macigno sulle ambizioni degli azzurri. Poco prima, ad aprire le danze era stato il solito Zaniolo, già 5 gol in stagione per lui tra Serie A e Champions League. Ad accorciare inutilmente il risultato per il definitivo 2 – 1 è stato Milik, fra le poche note liete di un Napoli che, nelle ultime settimane, sta perdendo tutte le proprie certezze.

Add Comment