Napoli, adesso per Ancelotti è la crisi è davvero nera

In estate era stata indicata, insieme all’ Inter, come la rivale più accreditata per contendere lo Scudetto alla Juventus. Il bilancio a metà novembre, invece, è semplicemente disastroso. Il Napoli è reduce da un avvio di stagione a dir poco tremendo, che, dopo 12 partite di campionato, vede i partenopei settimi in classifica con appena 19 punti conquistati sui 36 disponibili. Una media incredibilmente bassa, praticamente pari a 1,5 punti a partita. Nelle ultime cinque uscite la squadra di Ancelotti ha conquistato quattro pareggi ed una sconfitta, mentre l’ultima vittoria risale allo scorso 19 ottobre contro l’Hellas Verona.

 

Milik NapoliAnche gli altri numeri rendono evidente il momento di crisi che sta attraversando il Napoli: appena 5 vittorie su 12 gare, poi 4 pareggi, e addirittura 3 sconfitte. La difesa, che dopo l’acquisto di Manolas avrebbe dovuto diventare impermeabile, ha già incassato 15 reti. Quelle realizzate sono soltanto 21: una miseria per una squadra che, negli ultimi anni, è divenuta famosa proprio per la prolificità del suo reparto offensivo. Basti pensare che lo scorso anno, nello stesso periodo, il Napoli aveva 28 punti (9 vittorie, 1 pareggio e 2 sconfitte), con 26 reti realizzate (miglior attacco al pari della Juventus) e 13 subite. Il confronto con la stagione precedente, l’ultima di Sarri, è addirittura impietoso: 32 punti (10 vittorie, 2 pareggi e 0 sconfitte), 32 gol segnati, 8 subiti.

 

Ma a tener ancor più banco è la frizione fra tutte le parti dell’organigramma, con Aurelio De Laurentiis freddissimo con i giocatori e viceversa. Anche Carlo Ancelotti, preso fra i due fuochi, è sulla graticola: il tecnico degli azzurri è accusato di non essere riuscito a dare una parvenza di gioco, e di aver di fatto smontato il meccanismo quasi perfetto orchestrato dal predecessore Maurizio Sarri. L’addio dell’allenatore a fine stagione è quasi scontato, se addirittura non verrà esonerato prima. Così come è scontato che Mertens e Callejon saluteranno il capoluogo campano, visto che il loro contratto quasi certamente non sarà rinnovato.

Add Comment