Juventus, colpo Bremer: Inter bruciata in poche ore

Sono bastate poche ore, alla Juventus, per smantellare un patto di fiducia che fra Inter e Bremer resisteva ormai da mesi, e soltanto su un accordo verbale mai suggellato dai fatti. Nel momento clou, i nerazzurri si sono liquefatti come neve al sole. Stritolati da una situazione economica tutt’altro che rosea, i dirigenti della Beneamata hanno provato con ogni risorsa in loro possesso a convincere Torino e giocatore, ma la concorrenza bianconera è stata, in un solo aggettivo, insostenibile. Troppo ampio il divario tra l’offerta dell’ Inter e quella della Juve: i nerazzurri avevano messo sul piatto 30 milioni più il cartellino del giovane Casadei, la Vecchia Signora si è spinta a una proposta che, tra parte fissa e bonus, sfiora i 50 milioni. A quel punto, per Cairo la scelta era abbastanza scontata.

 

JuventusNel giorno dell’ufficialità di de Ligt al Bayern Monaco, la Juventus trova dunque il suo nuovo pilastro difensivo. Per caratteristiche e predominanza atletica, il brasiliano andrà più a rimpiazzare Chiellini che non il centrale olandese, componendo un tandem da scoprire con il nuovo capitano Leonardo Bonucci. Bremer abbraccerà il mondo Juve domani, quando sosterrà le visite mediche di rito per poi apporre la propria firma sul contratto che lo legherà ai colori bianconeri fino al 2027. Il brasiliano dovrebbe percepire una cifra vicina ai 6 milioni a stagione.

 

Palpabile lo smacco per l’ Inter, che dopo Paulo Dybala “perde” anche Gleison Bremer: vale a dire, quelli che erano stati i due colpi annunciati nella fase embrionale del mercato nerazzurro. A questo punto, le preoccupazioni dei tifosi risiedono tutte sul nodo Skriniar: individuato come il big da cedere per far cassa (Suning aveva chiesto ai suoi dirigenti di chiudere il mercato in attivo per almeno 60 milioni), lo slovacco potrebbe anche restare a Milano, nel caso in cui non pervenisse una cifra ritenuta congrua al suo valore. Ma a quel punto, i sacrificati di lusso potrebbero essere altri.

Add Comment