Serie A, l’ultima giornata: Atalanta, Inter, Milan, è tempo di verdetti

Tra pochissime ore, finalmente, avrà inizio anche la trentottesima nonché ultima giornata del campionato di Serie A, che metterà la parola fine anche su questa stagione calcistica. Torneo che ha ancora alcuni verdetti da emettere, prima che cali il sipario: per quanto riguarda la zona retrocessione, infatti, rimane ancora uno slot per capire chi scenderà nella cadetteria insieme a Chievo Verona e Frosinone. Ma, soprattutto, è apertissima anche la corsa europea, per capire chi andrà in Champions League il prossimo anno. La Juventus e il Napoli hanno già staccato aritmeticamente i loro pass, e rimangono ancora due posti disponibili per Atalanta, Inter, Milan e Roma.

 

Atalanta GasperiniL’ Atalanta sembra essere la favorita, in questo momento, per far suo il terzo posto e, quindi, per qualificarsi alla prossima edizione della Champions. I bergamaschi, infatti, forti dei loro 66 punti, dovranno “solamente” battere il Sassuolo, per pervenire ufficialmente il loro obiettivo. Per gli uomini di Gasperini, che hanno perduto la finale di Coppa Italia contro la Lazio, la soddisfazione sarebbe comunque gigantesca.

 

Qualche patema in più sembra celarlo l’ Inter, reduce dal clamoroso tonfo in casa del Napoli: un 4 – 1 che pare aver incrinato ulteriormente la fiducia della squadra nerazzurra, che in questo girone di ritorno ha mantenuto un andamento parecchio altalenante, caratterizzato da tanti bassi e pochi alti. Luciano Spalletti, vicino al sollevamento dell’incarico, dovrà per forza di cose superare l’Empoli, che da par suo gioca per la salvezza: sfida molto più complicata di quanto sembri.

 

Il Milan, nelle ultime settimane, ha faticosamente ritrovato la strada della vittoria, ma potrebbe non bastare. I rossoneri non sono infatti padroni del loro destino: battere la Spal potrebbe non essere sufficiente. Chi invece è aggrappata ad un filo sottilissimo è la Roma: i giallorossi dovrebbero vincere contro il Parma, e soprattutto dovrebbero sperare nella contemporanea sconfitta di Atalanta, Inter e Milan. Un’eventualità non impossibile, ma altamente improbabile.

Add Comment