Serie A, sei più sguarnita: da Chiello a KK, quanti addii in difesa

Una volta era la patria dei grandi difensori, il campionato dei migliori centrali del pianeta. Ma anche questa investitura, ormai sembra prossima al tramonto. L’impoverimento tecnico della Serie A si riflette anche in quella che storicamente è la sua eccellenza, e mai come questa estate, in effetti, il calcio italiano rischia di perdere i suoi baluardi più illustri. A cominciare da Giorgio Chiellini, che ha già salutato la Juventus dopo 17 stagioni di militanza e un titolo europeo conquistato da capitano. Alla soglia dei 38 anni, “King Kong” è approdato in America, alla corte del Los Angeles FC.

 

Serie AAddio imminente anche per Kalidou Koulibaly, che nei suoi otto anni di permanenza al Napoli è emerso come uno dei centrali più forti della Serie A. Campione d’Africa appena cinque mesi fa, il difensore senegalese, 31 anni compiuti, forte del contratto prossimo alla scadenza ha deciso per un salto di qualità al Chelsea. A Londra Koulibaly raccoglierà la pesante eredità di Rudiger, e firmerà un ricco quinquennale da 10 milioni a stagione. Tra i rimpianti dei tifosi del Napoli, che in questa sessione di mercato hanno già dovuto salutare diversi tra i loro beniamini.

 

Sugli ultimi due nomi aleggia ancora qualche incertezza, ma considerando la fase avanzata delle rispettive trattative, e i fattori che le hanno accompagnate, è difficile che restino ancora in Serie A. Stiamo ovviamente parlando di Milan Skriniar e Matthijs de Ligt. Entrambi, con ogni probabilità, verranno sacrificati da Inter e Juventus per accumulare un tesoretto da reinvestire sul mercato. Per lo slovacco resta forte il pressing del Paris Saint Germain, che da tempo lo ha messo in cima alla lista della spesa. L’affare è in una fase di stallo, ma probabilmente si farà. L’olandese, invece, vuole il Bayern Monaco: la prima offerta dei bavaresi non è stata ritenuta congrua dalla Juventus, ma un accordo a metà strada sembra assai probabile.

Add Comment