Roma, cuore europeo: Leicester battuto, è finale di Conference

Saranno Roma e Feyenoord a contendersi la prima edizione della Conference League. La competizione europea di terzo livello, che nell’ottica UEFA dovrebbe ripristinare i fasti della vecchia Coppa delle Coppe, proporrà un’italiana tra le finaliste. In qualche modo, un piccolo moto d’orgoglio per il movimento nostrano, uscito malissimo dalla Champions League, e anche peggio nella seconda competizione del continente, ove pure sembravano esserci discrete possibilità per Napoli, Lazio e Atalanta.

 

Roma FlorenziUna grande soddisfazione anche per José Mourinho, reduce da una stagione altalenante nei risultati e criticatissimo dagli stessi tifosi giallorossi fino a pochi mesi fa. Lo Special One ha saputo ricompattare un gruppo che nel girone di andata ha faticato, riuscendo raramente a pervenire agli obiettivi stabiliti. Persino nella stessa Conference League la Roma aveva incassato l’ennesima batosta europea, con quel 6 – 1 subito dal Bodo Glimt nella fase a gironi, che in qualche modo lasciava presagire all’ennesima delusione per i sostenitori della Lupa.

 

I giallorossi hanno poi preso a macinare risultati su risultati, guadagnandosi il rango di favoriti nella competizione dopo l’eliminazione del Tottenham di Conte. Scacciati i fantasmi del succitato Bodo Glimt (strapazzato con un rotondo 4 – 0 nella sfida di ritorno dei quarti di finale), la Roma si è ritrovata di fronte il temibile Leicester di Jamie Vardy, ultimo scoglio prima della finalissima. Curioso che, ad abbattere i connazionali, ci abbia pensato il “solito” Tammy Abraham, felice intuizione del mercato estivo giallorosso e ormai un fattore nei risultati capitolini: epurata con troppa leggerezza dal Chelsea, la punta britannica ha collezionato 25 reti su 49 presenze stagionali, la più pesante delle quali rifilata proprio agli ex campioni della Premier League. Toccante, a proposito, il minuto di applausi tributato da ambo le tifoserie a Claudio Ranieri, presente nella serata dell’Olimpico e visibilmente commosso per l’affetto ricevuto. In finale gli uomini di Mourinho dovranno vedersela contro il Feyenoord: appuntamento il prossimo 25 maggio a Tirana, in Albania.

Add Comment