Pareggio nel derby delle escluse, Italia e Olanda si fermano sull’1 – 1

Si è conclusa con un pareggio la sfida amichevole tra Italia e Olanda, le due assenti più illustri dal prossimo campionato del mondo di Russia 2018. Un vero e proprio derby, in questo senso. Eppure, nonostante la pochezza della posta in palio, all’Allianz Stadium di Torino la partita è vera, sentita, combattuta, come dimostra anche la distribuzione dei vari cartellini: cinque gialli, addirittura un rosso, e tantissime emozioni, con un pubblico che può tornare a casa più che soddisfatto.

 

Roberto Mancini ItaliaCome soddisfatto può forse essere Roberto Mancini, capace di mettere in campo quella che, probabilmente, è stata la miglior Italia da diverso tempo a questa parte, a prescindere dal risultato finale. Il primo tempo, in particolare, è di marca prevalentemente azzurra: non a caso, già nel terzo minuto, la nazionale del tricolore fa subito capire agli avversari che aria tirerà, con un gol di Belotti che, tuttavia, viene annullato per una posizione di fuorigioco.

 

Tuttavia, l’ Italia non demorde, e nei primi quarantacinque minuti di gioco riesce a mettere più volte alle corde gli olandesi. Gli esterni funzionano egregiamente, Cillessen è costretto a prodigarsi sia su Belotti che su Verdi, e il vantaggio azzurro sembra essere solo questione di tempo. Nella seconda frazione di gara, effettivamente, forse anche a causa della stanchezza, certi equilibri vengono meno, e anche la banda d’oranje riesce ad affacciarsi dalle parti di Perin.

 

Tuttavia, sono proprio gli azzurri a trovare il gol del vantaggio: merito dell’insolito tandem formato da Chiesa e Zaza, subentrati nella ripresa e capaci di confezionare la rete con l’incolpevole complicità di Van Dijk. L’ex attaccante della Juventus, così, segna proprio dinanzi ai suoi vecchi tifosi, che non mancano di applaudirlo e acclamarlo. Tuttavia, gli azzurri non hanno neanche il tempo di festeggiare, che una progressione di Babel causa l’espulsione di Criscito. E, nonostante il coraggio e la solidità, nei minuti finali l’ Italia in inferiorità numerica è costretta ad incassare il pareggio olandese, firmato da Aké.

Add Comment