Milan

Si chiude nel migliore dei modi, perlomeno per quelli che erano rimasti gli obiettivi ancora perseguibili da Milan e Juventus, l’infrasettimanale italiana di Champions League. Se il Milan è infatti riuscito a staccare il pass per gli ottavi di finale della competizione, liquidando il Salisburgo con un rotondo 4 – 0, la Vecchia Signora, già aritmeticamente eliminata, riesce a consolarsi perlomeno con il terzo posto, che le permetterà di giocarsi le proprie chance in Europa League.

 

MilanNon è un Milan molto brillante però, quello del primo tempo di San Siro. I rossoneri passano al 14° con un gran colpo di testa di Giroud, ma soffrono a più riprese le scorribande di un Salisburgo mai domo. Theo Hernandez colpisce un palo clamoroso, poi è Tatarusanu a salire in cattedra sulle conclusioni di Adamu e Sucic. Nella ripresa gli uomini di Pioli entrano in campo con maggior piglio, trovano immediatamente il raddoppio con Krunic e sciolgono le ultime paure, finendo per dilagare. Il tris lo serve ancora Giroud, poi è Messias a trovare il poker con un bel mancino sul secondo palo. È il 4 – 0 che vale al Milan il preziosissimo secondo posto nel girone: rossoneri agli ottavi di finale di Champions League a otto anni di distanza dall’ultima volta. Il Salisburgo, terzo, scivola in Europa League.

 

Juventus che si presenta al cospetto dei campionissimi del PSG con una rosa falcidiata, ma anche con un coraggio praticamente mai visto a Torino in questa stagione. Prestazione commovente dei bianconeri, che anche dopo il gran vantaggio di Mbappè non si scompongono ma, anzi, vanno addirittura ad aumentare i giri. Gli uomini di Allegri rispondono colpo su colpo, propongono un pressing asfissiante ed efficace, mettono in crisi la difesa parigina e al 39° pervengono al meritato pareggio: è Bonucci, sganciatosi con un’inconsueta aggressività offensiva, a ribadire in rete un ottimo suggerimento aereo di Cuadrado.

 

Nella ripresa le energie vengono meno, la Juve prova ad ovviare come può a stanchezza e assenze, ma Mendes, subentrato ad uno spento Soler, mette dentro il colpo della partita approfittando di un assist chirurgico di Mbappè. Dopo 10 mesi si rivede Chiesa, protagonista di qualche bello scatto in attesa di raggiungere le migliori condizioni. Finisce 1 – 2 in favore del PSG, che però approda agli ottavi di Champions da seconda classificata in virtù dell’1 – 6 confezionato dal Benfica ad Haifa. Juve ai sedicesimi di Europa League, nonostante le cinque sconfitte subite in sei partite.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi