Milan, infranto il sogno europeo: il Liverpool vince 1 – 2

Milano è in festa, ma non la Milano calcistica. Nel giorno di Sant’Ambrogio, che precede quello dell’Immacolata Concezione, cadono le due meneghine impegnate in Champions League. Ma se quello dell’ Inter è stato tutto sommato un inciampo senza grossi dolori, mitigato dal paracadute della già certa qualificazione agli ottavi di finale, quello del Milan è stato un tonfo fragoroso, senza appello. Rimontati da un Liverpool sbarcato a San Siro senza più grosse motivazioni, la squadra rossonera ha infatti dovuto salutare anzitempo il torneo. Insieme agli inglesi, a punteggio pieno con numeri invidiabili, è l’ Atletico Madrid a staccare il pass per la fase successiva: la squadra di Simeone sbanca Oporto con un 1 – 3 maturato nel secondo tempo, e con i suoi 7 punti stacca nella classifica del girone sia i lusitani (che scivolano in Europa League con 5 punti) che gli uomini di Pioli (fuori da tutto con 4 punti).

 

MilanE dire che le prospettive iniziali erano anche positive. Per tutto il primo tempo Porto e Atletico non si fanno male, mentre al Meazza il Milan dà l’impressione di poter fare l’impresa. Klopp imbottisce la formazione di riserve, e i rossoneri, pur falcidiati dagli infortuni, passano al 29° con Tomori: bravo il difensore a ribadire in rete un tap-in vincente, dopo il tentativo di gol olimpico di Messias. Per 7 minuti il Milan è in paradiso. Un’illusione tanto intensa quanto breve, perché al primo vero affondo il Liverpool trova il pari e, da quel momento in avanti, non lascerà più scampo alla meno esperta banda di Pioli. A rimettere in carreggiata gli inglesi è Salah, schierato a sorpresa tra i titolari e bravo anch’egli a segnare su tap-in, dopo la parata imperfetta di Maignan sulla conclusione di Oxlade-Chamberlain. Si decide tutto nella ripresa: Kessié spreca un’occasione clamorosa davanti ad Alisson, Origi invece è più freddo sull’ennesimo tap-in per il definitivo 1 – 2 Liverpool. Cade anche l’ Inter a Madrid: di Kroos e Asensio i gol che stendono i nerazzurri.

Add Comment