Milan, ansia ai rigori ma è ai gironi di Europa League

La lotteria dei calci di rigore più folle che si ricordi premia un Milan capace di andare oltre i propri meriti contro il Rio Ave, squadra ben più ostica e determinata di quanto dicessero i pronostici alla vigilia del match. La partita stessa, in realtà, è clamorosa e ricca di colpi di scena, caratterizzata da continui ribaltamenti di fronte ed emozioni a non finire. Dopo un primo tempo di rodaggio, infatti, le due squadre decidono di dar vita ad uno spettacolo che probabilmente rimarrà nella memoria dei rispettivi tifosi per molto tempo, e alla fine è il Milan a spuntarla e a raggiungere la fase a gironi di Europa League.

 

MilanAl 51° è Saelemaekers a illudere i compagni realizzando il suo secondo gol assoluto in rossonero, ma al 72° Francisco Geraldes firma il meritato pareggio con una sassata imparabile per Donnarumma. Serata ad alti e bassi per l’estremo difensore del Milan, che vede la sua squadra perdere lucidità con il trascorrere del tempo fino ad incassare persino il secondo gol all’inizio dei tempi supplementari: è il 91°, e Gelson, favorito da un rimpallo fortunoso, insacca il momentaneo 2 – 1 con un sinistro radente a fil di palo.

 

Il Milan sembra non averne più nonostante le sostituzioni, e quando sembra tutto finito arriva il clamoroso pareggio. Borevkovic, già ammonito, è sfortunatissimo al minuto 121, l’unico di recupero nel secondo tempo supplementare: il difensore intercetta la sfera con la mano nell’area del Rio Ave, l’arbitro non ha dubbi e assegna il penalty (dopo aver espulso il giocatore) che Calhanoglu trasforma con freddezza.

 

Si va alla lotteria dei rigori, uno show indimenticabile. Si vede di tutto: fino ai tiri di Tonali e Gabriel non sbaglia nessuno (incluso Augusto, che infila nella porta rossonera un delizioso cucchiaio), poi arrivano gli errori di Colombo e Monte, agli ottavi rigori. Fantascientifico quello calciato da quest’ultimo, capace di cogliere entrambi i pali prima di allontanarsi dalla porta presidiata da Donnarumma. Poi è proprio il portiere del Milan a sbagliare calciando alto, destino che un attimo dopo replicherà anche l’altro estremo difensore, Kieszek. Leao la mette dentro, Ivo Pinto calcia su Donnarumma che però clamorosamente si trascina nel sacco la palla proseguendo l’agonia rossonera: pazzesco. Si riparte con degli errori: Bennacer si fa ipnotizzare da Kieszek, Geraldes colpisce il palo. Il dodicesimo tiro è quello buono: Kjaer non fallisce, Santos invece spara su Donnarumma che così manda il Milan in Europa League.

Add Comment