Milan, un’altra vittoria: adesso lo Scudetto non è più un sogno

Era stata l’ultima squadra a vincere il campionato prima dell’interminabile egemonia della Juventus. E adesso, è quella che potrebbe finalmente interromperne la dittatura. L’ottavo successo stagionale del Milan – su dieci gare fin qui disputate – non può più essere un caso. I rossoneri son stati gli unici a mostrare una certa continuità tanto nei risultati che nelle prestazioni, vincendo anche scontri diretti importanti contro squadre del calibro di Inter e Napoli. Con o senza Ibrahimovic (anche oggi assente, per via dell’infortunio che si porta dietro da qualche settimana), il Milan continua a convincere e a macinare punti, impreziosendo il proprio vantaggio in classifica: sono cinque le lunghezze di distanza dall’ Inter, attualmente seconda e ferma a quota 21, e addirittura sei quelle che separano la banda di Pioli dall’accoppiata composta da Napoli e Juventus (20). La Milano rossonera inizia a pensarci seriamente, tanto che sui social diversi tifosi hanno cominciato a parlare di Scudetto.

 

MilanL’ennesima vittima è la Sampdoria, regolata tutto sommato senza grosse difficoltà nonostante le statistiche parlino di un successo di misura. L’ 1 – 2 che permette al Milan di salire a 26 punti in classifica viene firmato da Kessié (un leader ritrovato l’ivoriano, dopo le ultime stagioni abuliche) e Castillejo, e impensierito sul finale di gara soltanto da un gol di Ekdal da distanza ravvicinata. Per l’occasione Stefano Pioli decide di schierare una linea decisamente verde, con i riflettori puntati soprattutto sulla fase difensiva: il giovane Gabbia argina bene le folate del veterano Quagliarella, mentre Calabria ed Hernandez spingono bene sulle fasce. Anche Tonali, schierato sulla mediana insieme a Kessié, disputa una gara più che dignitosa, mostrando una parvenza di crescita dopo alcuni mesi poco convincenti. Ma è tutto il Milan a girare bene, e lo confermano anche i numeri: è l’unica squadra fin qui imbattuta insieme alla Juventus, con il terzo miglior attacco della Serie A (dietro solo a Inter e Napoli) e la seconda miglior difesa (dopo Juventus e Verona, che ne hanno subito solo uno in meno).

Add Comment