Juventus a fatica, ma la missione è compiuta: ecco gli ottavi

Mancava solamente il punto esclamativo alla Juventus per il passaggio del turno agli ottavi di finale di Champions League, e con la vittoria casalinga contro il Ferencvaros la qualificazione è arrivata. I bianconeri, che soffrono la baldanza ungherese venendo costretti ad una complicata rimonta, passano soltanto nel recupero grazie a quello che quest’anno sta emergendo come il vero uomo in più a disposizione di Andrea Pirlo: Alvaro Morata, subentrato nella ripresa ad uno spento Dybala e capace di siglare il sesto gol stagionale, il più importante fino a questo momento. Dopo lo svantaggio subito per mano di Uzuni, invece, era stato il solito Cristiano Ronaldo a rimettere la gara sui binari della parità, grazie ad un bel mancino sparato da fuori area.

 

Dybala JuventusUna Juventus che ancora una volta scende in campo con una formazione differente, con Dybala promosso fra i titolari e i lungodegenti Chiesa e Ramsey finalmente convocati in panchina. L’argentino però non incide, tutta la squadra in generale è imballata, e i bianconeri si ritrovano ad inseguire un avversario tecnicamente modesto, ma quadrato e tonico in campo. La riscossa, come detto, viene lanciata dall’immenso Cristiano Ronaldo, primo gol per lui in questa Champions League e striscia ulteriormente allungata: il portoghese ha timbrato il cartellino almeno una volta nelle ultime quindici edizioni del torneo.

 

Nella ripresa i bianconeri aumentano i ritmi e più volte sfiorano il gol del raddoppio: il legno lo impedisce in almeno due occasioni, strozzando in gola l’urlo liberatorio di Bernardeschi prima e di Morata poi. Quando tutto sembra finito è proprio lo spagnolo, sulla pennellata perfetta dell’infaticabile Cuadrado, a risolverla: la punta iberica di testa non sbaglia, pur se con la complicità del portiere avversario. Juventus che vola a quota 9, e in virtù del trionfo del Barcellona sulla Dinamo Kiev stacca il pass per gli ottavi di Champions.

Add Comment