Juventus, analisi completa del calciomercato 2020-2021

Si è quindi conclusa l’insolita sessione estiva di calciomercato, che ha visto nella Juventus una delle grandi protagoniste. I bianconeri hanno dato vita a numerose telenovele in queste settimane, come quella di Federico Chiesa, sbarcato “virtualmente” a Torino proprio sul gong. Andiamo a vedere com’è cambiata la Vecchia Signora, e come affronterà la nuova stagione.

 

JuventusACQUISTI: Gori (P, Pisa), Romero (D, Genoa), Lu. Pellegrini (D, Cagliari), Mandragora (C, Udinese), Arthur (C, Barcellona), McKennie (C, Schalke 04), Pjaca (A, Anderlecht), Kulusevski (A, Parma), Chiesa (A, Fiorentina), Morata (A, Atletico Madrid).

 

CESSIONI: Perin (P, Genoa), Romero (D, Atalanta), Rugani (D, Rennes), Lu. Pellegrini (D, Genoa), De Sciglio (D, Lione), Pjanic (C, Barcellona), Mandragora (C, Udinese), Matuidi (C, Inter Miami), Muratore (C, Atalanta), Nicolussi Caviglia (C, Parma), Pjaca (A, Genoa), Douglas Costa (A, Bayern Monaco), Higuain (A, Inter Miami).

 

COMMENTO TECNICO: Rispetto alla scorsa estate, Paratici e soci sono riusciti a dare un po’ più di logica ai movimenti della Juventus, prendendo tre piccioni con una fava: è stata abbassata l’età media della rosa, è stato abbassato il tetto ingaggi, e la squadra è stata sfoltita dei numerosi esuberi (eccezion fatta per Khedira, rimasto all’ombra della Mole). Considerando i problemi economici dell’emergenza covid, i dirigenti bianconeri sono riusciti anche a fare dei piccoli miracoli con le trattative che hanno portato agli innesti di Chiesa e Morata, ma i problemi sono arrivati sul lato cessioni: salvo per Pjanic, venduto al Barcellona per 60 milioni (nell’ambito di un affare in cui la Juventus, però, ha dovuto sborsarne 72 per Arthur), gli altri giocatori sono andati via solo in prestito o a titolo gratuito, registrando diverse minusvalenze.

 

COSA MANCA: Pirlo a disposizione ha sicuramente delle risorse molto versatili, ma l’impressione è che manchino ancora dei terzini di ruolo, specialmente dopo l’addio di De Sciglio. A centrocampo, inoltre, non sembrano esserci interpreti in grado di verticalizzare, ma solo di giocare in spazi stretti: un Luis Alberto, o meglio ancora un Aouar, accostato a lungo alla Juventus nelle scorse settimane, avrebbe fatto comodo. Anche l’arrivo di Morata in vece di Dzeko lascia intendere ad una soluzione B: lo spagnolo non può essere definito un rincalzo, ma è chiaro che il bosniaco, per caratteristiche, si sarebbe integrato meglio agli altri attaccanti. Rimane anche la grana Suarez, che ha causato molto imbarazzo dalle parti di Vinovo.

 

LA STELLA: Scontato dire Cristiano Ronaldo, che ancora una volta sarà il fulcro dell’intera squadra. Occhi puntati, allora, sulle new entry Kulusevski e Chiesa: complessivamente le loro operazioni sono costate quasi 100 milioni, e le aspettative dei più sono molto alte. Riusciranno a rispettarle?

 

OGGI GIOCHEREBBE COSÌ (3-4-1-2): Szczesny; de Ligt, Bonucci, Chiellini; Cuadrado (CHIESA), Bentancur (Rabiot), ARTHUR, Alex Sandro; Dybala (Ramsey); Cristiano Ronaldo, KULUSEVSKI (MORATA). Allenatore: PIRLO.

Add Comment