Italia sprecona, con l’Olanda è 1 – 1: gli Azzurri frenano nel girone

Due pareggi consecutivi bloccano l’incedere dell’ Italia e lanciano l’inatteso primato della Polonia nel girone A della Nations League. Dopo lo 0 – 0 conseguito pochi giorni fa proprio contro i polacchi, a Bergamo gli Azzurri steccano ancora, non riuscendo ad avere la meglio contro un’ Olanda comunque dominata per larghi tratti di gioco. Gli uomini di Mancini, bravi a tenere il campo soprattutto nel primo tempo, creano numerose occasioni riuscendo a concretizzarne soltanto una, diversamente dalla banda d’orange che invece si rivela particolarmente cinica sotto porta. L’ Italia sarà ora costretta a vincere le ultime due gare per riconquistare la testa del gruppo e staccare così il pass.

 

Roberto Mancini ItaliaE dire che il match inizia molto bene per gli Azzurri: l’ Olanda subisce molto il pressing degli avversari, tanto da capitolare già dopo 16 minuti. Nell’occasione è splendida l’iniziativa di Barella (probabilmente il migliore in campo al fischio finale), che conquista il pallone ed effettua un lancio pennellato per Pellegrini. Il giocatore della Roma, bravo a smarcarsi e ancor più ad agganciare la sfera, supera Cillessen con freddezza. Immobile si divora il 2 – 0 davanti al portiere olandese, e allora arriva inevitabile la legge del gol fallito, gol subito. È il 25°: sugli sviluppi di un’azione confusa Depay calcia addosso a Donnarumma, e sul successivo tap-in è van de Beek a trovare una preziosissima rete.

 

Gli Azzurri continuano ad aggredire la metà campo avversaria, ma solo nel secondo tempo arrivano le occasioni più clamorose. Al 56°, gli arancioni vanno vicinissimi al colpaccio: Depay si libera bene in area e spara un rasoterra angolatissimo sul secondo palo, ma la risposta di Donnarumma è di livello mondiale. Al 57°, Hateboer appoggia debolmente verso il proprio portiere, fornendo, di fatto, un assist d’oro a Ciro Immobile: l’errore del difensore atalantino è da non credersi, quello del bomber laziale (che tira addosso al portiere) è addirittura clamoroso. Il risultato non cambia: in virtù del 3 – 0 rifilato alla Bosnia, la Polonia vola a quota 7 e si prende la testa del girone. L’ Italia va a 6, l’ Olanda invece sale a 5 punti.

Add Comment