Italia, mai così male prima d’ora: senza vittorie e senza gol

Se, sfatando un noto proverbio, non è stata buona la prima per l’ Italia, decisamente peggio è stata la seconda. Nations League da incubo fin qui per gli Azzurri, nel segno della continuità con quello che, probabilmente, è il peggior momento della storia del calcio italiano. Fuori dal campionato del mondo di Russia 2018, virtualmente condannata nel girone della neonata competizione europea, e con un ranking che, inevitabilmente, andrà a peggiorare ancora da qui ai prossimi mesi. Un disastro senza fine, un tunnel interminabile alla cui fine non è detto che ci sia la luce.

 

Italia Under 20D’altronde, se i risultati già parlano da soli, l’ultimo anno calcistico dell’ Italia è stato veramente tremendo. Dallo scorso 2 settembre 2017 a oggi, infatti, la compagine del Belpaese ha collezionato figuracce su figuracce, mettendo insieme prestazioni sempre più sottotono, pochi gol e ancor meno vittorie. Per l’esattezza, soltanto tre in ben tredici incontri: e con avversarie del calibro di Israele (1 – 0), Albania (altro 1 – 0) e Arabia Saudita (2 – 1), non propriamente la crème de la crème del calcio europeo, e superate sempre e soltanto di misura.

 

Lo score, tra la fase finale della gestione di Gian Piero Ventura, la breve parentesi del commissario tecnico ad interim Gigi Di Biagio, ed il neo prescelto Roberto Mancini, è veramente negativa. Già detto per le poche vittorie, il dato delle sconfitte fa piangere ancora di più: cinque, così come i pareggi. Portogallo, Francia, Argentina, Spagna e Svezia, quest’ultima nella fondamentale gara dello spareggio per accedere a Russia 2018, ci hanno mandato al tappeto senza neanche troppe difficoltà, in un frangente di cinque gare in cui l’ Italia è riuscita a mettere a segno solamente un inutile gol (peraltro con un difensore, Leonardo Bonucci), a fronte dei dieci subiti.

 

Non che la statistica dei pareggi sia più edificante, soprattutto se si considera la conclamata difficoltà nell’andare a segno: l’ Italia ha sbattuto contro Polonia, Olanda, Inghilterra, Svezia (nel ritorno dello spareggio che ha sancito la nostra condanna mondiale) e Macedonia, in un parziale che ha visto quattro gol fatti e altrettanti subiti. Il cosiddetto “annus horribilis”, insomma. Nella speranza che il 2019 possa cominciare a portarci finalmente qualche gioia.

Add Comment