Italia, girone di ferro in Nations League: Germania, Inghilterra e Ungheria

Dopo il terzo posto conquistato nella finalina di Torino ai danni del Belgio, non sarà semplice per l’ Italia rilanciare l’assalto alla Nations League. Il neonato torneo marchiato UEFA, che prevede la partecipazione di 55 nazionali europee, ha già due edizioni alle spalle: la prima vinta dal Portogallo di Cristiano Ronaldo, la seconda conquistata dalla Francia già campionessa del mondo in carica. La terza verrà disputata a partire dal prossimo 22 giugno 2022, e il sorteggio ha avuto luogo pochi minuti fa in quel di Nyon. L’ Italia, ovviamente in Lega A, era inserita in prima fascia in virtù dell’ottimo piazzamento ottenuto nell’ultima edizione. Per gli Azzurri tuttavia si è profilato il peggior scenario possibile: gli uomini di Mancini hanno infatti pescato le avversarie più forti di tutte le altre fasce, dando vita a un vero e proprio girone di ferro.

 

Roberto Mancini ItaliaDalla fascia 2 è arrivata la Germania, che dopo la lunga era Loew sta provando a inaugurare una nuova epoca di successi. La Mannschaft è l’avversaria storica dell’ Italia: le due Nazionali si sono incrociate più volte tra Mondiali ed Europei, e il bilancio è stato spesso favorevole agli Azzurri. Dalla terza fascia è invece stata sorteggiata l’ Inghilterra, vice-campionessa d’Europa che proprio con Roberto Mancini ha un conto aperto: la selezione britannica venne infatti sconfitta ai calci di rigore proprio dall’ Italia nella finalissima di Euro 2020, in quel di Londra. La Nazionale dei Tre Leoni, considerata da molti addetti ai lavori come una delle maggiori favorite ai mondiali di Qatar 2022, potrà dunque cercare di mettere in atto la propria vendetta. Infine la quarta fascia ha portato nientemeno che l’Ungheria di Marco Rossi, che ha ben figurato nell’europeo dando filo da torcere a Francia, Portogallo e alla succitata Germania. Incroci stellari anche negli altri gruppi: derby iberico tra Spagna e Portogallo, mentre nel girone 4 il Belgio dovrà vedersela contro l’Olanda.

Add Comment