Formula 1: inarrestabile Mercedes, vince anche il titolo costruttori

È oramai andato in porto anche il penultimo gran premio del campionato mondiale di Formula 1, che, per l’occasione, si è disputato a San Paolo, in Brasile. L’America rimane dunque terra amica e ricca di conquiste per Lewis Hamilton e per Mercedes in generale. La scuderia tedesca, infatti, che nel precedente impegno aveva conquistato il titolo dei piloti in Messico, grazie all’ennesima prestazione cinica di Hamilton, stavolta porta a casa anche il titolo dei costruttori, spegnendo quindi le residue velleità di Sebastian Vettel e della Ferrari tutta.

 

Hamilton Formula 1Nulla da fare, quindi, per la scuderia nostrana, che ancora una volta è stata costretta a piegarsi dinanzi allo strapotere dei rivali. Una sinfonia, quella di Mercedes, che in Formula 1 prosegue da oramai un quinquennio ininterrotto: in questo lasso di tempo, infatti, la casa teutonica ha sempre portato a casa sia il campionato mondiale dei piloti che quello dei costruttori, non lasciando neanche le briciole agli avversari.

 

Anche il gran premio brasiliano, così, è stato condotto senza particolari patemi dalla Mercedes e dai suoi piloti. Lewis Hamilton, anche con un pizzico di fortuna, ha infatti portato a casa l’ennesimo alloro personale, il decimo in questa stagione: un passo di marcia insostenibile per qualsiasi altro pilota di Formula 1. Un po’ di fortuna, dicevamo, quella che è mancata a Max Verstappen: l’olandese, autore di una prestazione da sogno, ha infatti visto sfumare la seconda vittoria consecutiva soltanto durante gli ultimi giri, a causa di uno scontro jellato con Ocon, peraltro già doppiato.

 

Il corridore di Red Bull si accontenta di un comunque pregevole secondo posto, che, nella classifica generale, lascia ancora aperte delle flebili speranze circa il raggiungimento della terza piazza, attualmente occupata da Kimi Raikkonen: proprio il finlandese in forza alla Ferrari in Brasile va nuovamente a podio, con un terzo posto molto positivo. Discorso differente per Vettel, che porta a casa un deludente sesto posto.

Add Comment