Buffon, è addio alla Juventus: per il portiere l’estero o il ritiro

Gianluigi Buffon lascia di nuovo, e stavolta definitivamente, la Juventus. A 43 anni, tramite un’intervista rilasciata a beIN Sports – e come confermato negli scorsi minuti attraverso i propri profili social – il leggendario portiere bianconero saluterà la Vecchia Signora. Dopo 19 stagioni (17 durante la sua prima esperienza a Torino, e altre 2 al suo ritorno nell’estate del 2019), quasi 700 presenze e svariati trofei, Buffon si congeda dai propri tifosi. Una notizia che in qualche modo era nell’aria, e che arriva forse nella maniera più mesta e nel momento peggiore: all’indomani della chiusura del ciclo che ha visto la Juventus dominare il calcio italiano per quasi un decennio. Di seguito, le parole di commiato che l’estremo difensore ha affidato ai social:

 

Buffon“Ogni inizio ha anche una fine. E questa è la fine del mio secondo tempo alla Juve. Una decisione presa, maturata e comunicata già da mesi. Ma non una decisione facile. Perché non è facile tagliare questo cordone, qua dove c’è la mia storia, la mia gioia, le mie lacrime, la mia casa. Ma so che quel momento è arrivato. Non esiste un grazie grande abbastanza. Ho dato tutto. Ho ricevuto di più. Il tempo che verrà è tutto da scrivere. E da vivere. Sempre, fino alla fine.”

 

Cala così il sipario su un campione che, per quanto talvolta divisivo fuori dal campo, sul rettangolo verde ha sempre unito tutti. Campione del mondo nel 2006 da protagonista assoluto, Buffon è considerato dagli esperti come uno tra i più forti portieri di tutti i tempi, se non il migliore in assoluto. Vicino al Pallone d’Oro in due occasioni (secondo nel 2006 e terzo nel 2017), per cinque volte è stato eletto dall’IFFHS come miglior portiere dell’anno: l’ultima delle quali nel 2017, quasi quarantenne, record destinato a rimanere probabilmente imbattuto. Due adesso le ipotesi per il futuro di Buffon: il ritiro oppure un’esperienza all’estero, qualora dovesse presentarsi l’occasione giusta.

Add Comment