Qualificazioni Russia 2018, ecco il bilancio della confederazione europea

È oramai terminata la fase a gironi della confederazione UEFA per la qualificazione ai prossimi campionati mondiali di Russia 2018. Rimangono, così, da affrontare solamente gli spareggi, che si disputeranno nella prima metà di novembre e che prevedono anche la nostra Italia. Andiamo a fare un rapido riepilogo, dunque, su quanto è successo, per capire quali nazionali hanno staccato il pass per Russia 2018 e quali, invece, rimarranno a casa.

 

Russia 2018La prima, clamorosa sorpresa arriva dal Gruppo A: la Francia si è qualificata direttamente a Russia 2018, mentre la Svezia, giunta alle sue spalle come seconda, disputerà gli spareggi. Eliminata così l’Olanda, che dopo il mancato approdo a Euro 2016 salta anche il prossimo torneo iridato: un vero e proprio disastro per i tulipani, che peraltro, nelle scorse due edizioni, erano riusciti a salire sul podio con un secondo ed un terzo posto.

 

Nel Gruppo B, al fotofinish, grande zampata del Portogallo: Cristiano Ronaldo e compagni battono la Svizzera, raggiungendola in termini di punteggio ma superandola in virtù di una miglior differenza reti. I rossocrociati scivolano così ai playoff, mentre gli attuali campioni d’Europa si aggiudicano il biglietto per Russia 2018.

 

Poche emozioni nel Girone C: una Germania cannibale ottiene una scontata qualificazione, unica nazionale peraltro a vincerle tutte. L’Irlanda del Nord, invece, va ai playoff, estromettendo dalla corsa le varie Repubblica Ceca e Norvegia.

Nel Gruppo D, uno fra i più equilibrati in assoluto, a spuntarla è la Serbia. Seconda l’Irlanda, che va agli spareggi, mentre il Galles di Bale, inizialmente considerato come favorito nel girone, è fuori da Russia 2018.

 

Per quanto riguarda il Gruppo E, invece, la regina è la Polonia: una grande impresa, visto che è da Germania 2006 che non riusciva a qualificarsi ad un torneo iridato. Seconda la Danimarca, anch’essa ai playoff.

 

Pochi dubbi nel Gruppo F, vinto dall’Inghilterra. Subito dietro troviamo la Slovacchia, che però risulta la peggior seconda tra le nove dei vari gironi: Hamsik e compagni, pertanto, a Russia 2018 non ci saranno.

 

Nel nostro Gruppo G, uno dei più complicati fin dalla vigilia, è stata la Spagna a primeggiare: l’ Italia, così, sarà costretta ad affrontare i playoff insieme alle altre otto migliori seconde.

 

Passiamo al Gruppo H, letteralmente dominato dal Belgio, che con ben 43 reti realizzate condivide, insieme alla Germania, il record di marcature di questa fase di qualificazioni. Seconda la Grecia, agli spareggi, mentre la Bosnia di Dzeko e Pjanic è fuori.

 

Infine il gruppo I, uno dei più incerti e, per certi versi, clamorosi: l’Islanda, infatti, è giunta prima, e per la prima volta nella sua storia si qualifica alle fasi finali di un campionato mondiale. La nazionale degli uomini di ghiaccio, così, sarà la prima esordiente in assoluto a Russia 2018. Seconda la Croazia.

 

I sorteggi dei playoff avverranno il prossimo 17 ottobre: gli accoppiamenti saranno tra le quattro teste di serie, vale a dire Svizzera, Italia, Danimarca e Croazia, e le altre quattro, ossia Svezia, Irlanda del Nord, Grecia e Irlanda. Le gare di andata saranno giocate il 9, il 10 e l’11 novembre, quelle di ritorno invece il 12, il 13 e il 14 novembre.

Add Comment